Diciamoci tutto

Lentini e i Santi Martiri Alfio, Filadelfo e Cirino: una cosa sola

Una cosa sola. Uno scatto che racchiude tutto. Una foto che, alla stregua delle immagini promanatisi rispettivamente dal Vaticano e dal Vittoriano (Altare della Patria) nelle settimane precedenti, è destinata a segnare indelebilmente le memorie dei cittadini di Lentini.

Una cosa sola.

Uno scatto che racchiude tutto. Una foto che, alla stregua delle immagini promanatisi rispettivamente dal Vaticano e dal Vittoriano (Altare della Patria) nelle settimane precedenti, è destinata a segnare indelebilmente le memorie dei cittadini di Lentini.

Dietro quella cancellata vi è ognuno di noi: ciascun fiore è il dono delle nostre famiglie, di chi è vicino, di chi è distante.

La cancellata della Chiesa Madre (Ex Cattedrale) Santa Maria la Cava e Sant’Alfio ricolma di fiori, omaggi dei fedeli: a causa del Covid-19 (il cd. Nuovo Coronavirus), purtroppo, i Festeggiamenti Patronali sono stati rinviati all’anno venturo | Lentini (SR), 9 Maggio 2020 | Fonte: © Emanuele Grillo

Quando perdiamo qualcuno, o qualcosa, ecco che ne sentiamo particolarmente la mancanza. In verità, però, non abbiamo perduto nulla. Anzi. Stiamo riscoprendo degli imprescindibili valori come il silenzio, la riflessione, l’intimità nella fede e nel legame con i Santi Martiri Alfio, Filadelfo e Cirino.

Ricorderemo questi giorni di Maggio. Ricorderemo questa Festa che non è Festa. Ma soprattutto, ricorderemo che dal nulla noi lentinesi abbiamo schiuso il tutto: nel solco di quel coniugio inscindibile, di quella devozione radicata e di quell’amore millenario nei Santi Patroni tutelari. Noi siamo con loro, loro sono con noi.

Ritroveremo il tempo per il resto, per viverlo ancora più intensamente, per abbracciare il Fercolo argenteo di Sant’Alfio. Ritroveremo il tempo per immergerci nuovamente nel vorticoso mondo delle percezioni che a partire dal 1° Maggio rapisce i cuori e le menti di ciascuno. Ritroveremo il tempo per ri-scoprire quell’universo tutto nostro, maestoso ed intimo al contempo, che racchiude quegli sguardi e quei rumori, quegli odori e quei sapori, quelle gioie e quei silenzi inaccessibili alle comuni parole.

Momenti della Festa | Lentini (SR), Anni Sessanta | Fonte: © Ferdinando Scianna

Un appuntamento che si traduce nella summa del concetto di lentinità e in cui ciascun attore, motu proprio, nel corso del tempo ha recitato e recita la propria parte. Oggigiorno, fortunatamente, le tecnologie accorrono in nostro aiuto: approfittiamone per meglio leggere/ascoltare l’agiografia dei Tre Fratelli originari di Vaste, l’evoluzione della Chiesa leontina, le leggende, le curiosità, la storia (in generale) della nostra città e molto altro ancora. Fidatevi delle mie parole: ogni anno, infatti, è possibile apprendere sempre qualcosa di nuovo.

Infine, vorrei ringraziare le – tante, devo ammetterlo – persone che dalle comunità di Trecastagni (Provincia di Catania) e Sant’Alfio (Provincia di Catania) a quelle di Omaha (Stati Uniti d’America), Silkwood (Australia) e Brisbane (Australia) han deciso di scrivermi in privato e/o di divulgare pubblicamente il mio post di metà Aprile in giro per il globo, in alcuni casi persino traducendolo in lingua inglese per facilitarne la lettura agli italo-americani.

Auspico che, in futuro, l’unione tra le città in cui è presente il culto dei Santi Martiri nel mondo possa sempre rinnovarsi.

Principali Simulacri venerati in Italia e nel mondo, raffiguranti i Santi Martiri Alfio, Filadelfo e Cirino, San Vitalio e San Benedetta di Locuste, Santa Tecla Vergine | Fonte: © Emanuele Grillo

Fonte dell’Immagine in evidenza: © Salvo Vinci

banner la gazzetta

In alto