Sanità

Covid-19 | Scattano i nuovi provvedimenti per contenere l’epidemia

Entra in vigore il decreto legge del 29 dicembre 2021, riguardante le “Misure urgenti per il contenimento della diffusione dell’epidemia da Covid-19 e disposizioni in materia di sorveglianza sanitaria”. Dal 10 gennaio e fino al 31 marzo 2022 scatta l’obbligo del “Green Pass rafforzato”. Oltre a divenire necessario per accedere ai mezzi di trasporto, viene esteso ad alberghi e strutture ricettive; feste legate a cerimonie civili o religiose; sagre o fiere; congressi; servizi di ristorazione all’aperto; piscine, sport di squadra e centri benessere (anche all’aperto); impianti di risalita con finalità turistico- commerciali (compresi quelli sciistici); centri culturali, sociali e ricreativi per attività all’aperto. Per quanto riguarda la quarantena, bisogna fare una distinzione tra asintomatico e sintomatico: la prima categoria, infatti, dovrà stare in isolamento dieci giorni con esito finale negativo; i sintomatici, invece, dovranno stare 10 giorni in isolamento dalla comparsa dei sintomi, con tampone finale negativo, dopo 3 giorni senza sintomi. Qualora invece si tratti di soggetto che abbia avuto un contatto stretto con una persona risultata positiva, se si è vaccinati con due dosi da più di 4 mesi, allora bisognerà restare 5 giorni in quarantena con tampone finale negativo. Se si è vaccinati con booster o con doppia dose da meno di 4 mesi, allora bisognerà seguire 5 giorni di autosorveglianza con tampone finale negativo. I non vaccinati, infine, dovranno restare 10 giorni in quarantena, con tampone finale negativo. Infine, per quanto riguarda le mascherine, la FFP2 dovrà essere usata (oltre all’aperto insieme a quella chirurgica), anche nei cinema e nei teatri; supermercati e negozi; mezzi pubblici (compresi treni e aerei); stadi e grandi eventi e nell’ambito della ristorazione.

In alto
Skip to content